Le storie degli altri

Ancora sulle scosse

Nel 1975 i cinesi riuscirono a prevedere un terremoto nella provincia di Haicheng.

The earthquake caused more than 2,000 fatalities. There were many injuries. Extensive damage was reported in the Yingkou-Haicheng areas. Minor damage was reported in Seoul, South Korea. The quake was felt in Primorskiy Kray, USSR, and on Kyushu, Japan.

Chinese officials ordered the evacuation of Haicheng (population about 1 million) the day before the earthquake. In the preceding months, changes in land elevation and in ground water levels, and widespread reports of peculiar animal behavior had been reported. The increase in foreshock activity triggered the evacuation warning. It was estimated that the number of fatalities and injuries would have exceeded 150,000 if no earthquake prediction and evacuation had been made. The evacuation, along with the local style of housing construction and the time of the main shock, 7:36 p.m., saved thousands of lives. (clicca QUI)

Sulla prevenzione, invece

«Le regole della prevenzione vorrebbero che tutti gli edifici nuovi fossero costruiti per resistere ai terremoti, e che quelli vecchi fossero rinforzati. La sicurezza edilizia dovrebbe essere un dato acquisito, e delle previsioni esatte dei terremoti noi non dovremmo neanche sentire bisogno» (clicca QUI)

Se qualcuno invece si chiede che differenza c’è tra un terremoto in Italia e negli Stati Uniti o in Giappone,

I più marcati slittamenti si sono avuti nella parte centrale della faglia di Sant’Andrea nel 1857, a cui corrispose un violentissimo terremoto di magnitudo 8.0 (indicativamente, il terremoto che devastò l’Irpinia nel 1980 fu di magnitudo 7) […] l’unica arma a disposizione delle autorità californiane per evitare una catastrofe rimane la prevenzione. Applicando una efficace politica preventiva del rischio sismico, infatti, sarà possibile limitare al minimo i danni alle persone e alle cose. Un caso esemplare, da questo punto di vista, è quello del Giappone il quale, pur essendo colpito periodicamente da intensi terremoti, registra un numero di vittime e danni praticamente nullo dimostrando, quindi, che con i terremoti si può convivere. (clicca QUI)

Standard