Interviste

Intervista a un sito porno

Da quanto è attivo? Ci parli di lei, del tipo di servizio che offre.

Sono attivo da più di dieci anni. Sono stato tra i primi siti hardcore in Italia e del resto, la prima cosa che ha preso piede su Internet, come in ogni ambito umano, è stato il sesso, così come il danaro. Mi permetta questa riflessione: ovunque arrivi la vostra razza, vi è prima di tutto sesso e danaro. Avete certo ottime capacità di sintesi: il sesso a pagamento ne è dimostrazione. Per quanto riguarda i miei servizi, ho tracciato io gli standard attuali: video, foto, soft e hardcore, raccolti secondo diverse categorie. Poi c’è il servizio di webcam e livechat: quello gratis è ovviamente una truffa, dato che si tratta di filmati e conversazioni preregistrate. Quello a pagamento, be’, dovreste pagare per saperlo.

Sono del parere che la pornografia connoti la nostra epoca più d’ogni altra cosa.

Sono d’accordo. Non avete nemmeno più le guerre mondiali. Non è meraviglioso? Guardare tutto da così vicino. Con voi umani si fanno grandi affari. La differenza tra voi e gli altri animali è che solo voi potreste trovare il tempo e la voglia di filmarvi durante l’accoppiamento.

Credo anche che la pornografia sia idealmente una gran cosa; ma raramente raggiunge picchi di qualità, trasformandosi nella parodia di se stessa. E che, invece di liberare la fantasia, finisca per omologare le pratiche sessuali della gente.

Ahimé, devo dire che mi trova d’accordo anche in questo caso. Tutti ragionano nei termini delle categorie presenti sui siti affini a me, secondo gli schemi che il mio genere ha creato. Io sono una possibilità usata non al meglio, mettiamola così. Mi trovo noioso, alle volte, ripetitivo, certamente.

Una curiosità: se caricassi un video non hard su un sito come lei, cosa accadrebbe?

Che domande: verrebbe censurato per violazione delle condizioni d’uso.

Standard