suonala-ancora-occidente
Le storie degli altri

Suonala ancora, Occidente

La distopia è l’utopia della tecnica. Se smettiamo i panni dell’essere umano, ecco involvere pure la farfalla: dopo la tragica elaborazione notturna, le ali contratte si accartocciano in bava e corteccia. Il feto si scioglie in bruco, il bruco in morbo.

Dismesso il giardino degli uomini – o anche solo la sua possibilità – non può che seguire l’Eden meccanico e digitale di ordinari androidi schiavisti; il nostro inferno, ma consolatorio: attualmente un intrattenimento tra tanti. Anche la paura è divertente.

In questo senso soltanto è plausibile una dittatura senza più ideologia, quella panoriental-russosaudita che infiltra il mondo col credo del denaro (invisibile, ma irreligioso) e in cambio non dà più né jeans né canzoni. Suonala ancora, Occidente.


Rudy Smallflower | Debunking diktators

Standard
Microrec

XXI Secolo, Paolo Zardi

Tempo fa ho chiesto – chiedendolo soprattutto a me stesso, su Facebook – perché ci piacciano tanto le distopie.
La domanda era stata innescata da un’intervista a due scrittrici americane letta sul blog di SUR e da questo status dello scrittore Paolo Zardi:

zardixx

Quello stesso giorno, poi, la mia copia di XXI secolo è arrivata in libreria; data la coincidenza, ho deciso di darmi subito in pasto alla scrittura di Zardi.

Nel romanzo le cose stanno così: il mondo occidentale è semifinito, schiacciato da assetti geopolitici mutati (si intuiscono, come sole superpotenze rimaste, il Brasile, la Cina e una Russia neozarista). Il proverbiale ceto medio è impoverito del tutto, i migranti neppure prendono in considerazione l’ipotesi di raggiungere l’Europa (un vecchio sotto calde coperte che scruta il mondo dalle finestre di un ospizio, la definisce Zardi) e gli italiani, quando non si accoppano tra loro o con gli stranieri bloccati qui, tentano la fuga verso l’Austria (e qui Zardi anticipa qualcosa dei muri del Brennero, mentre per un istante sembra incrociare il suo romanzo con quello di Bruno Arpaia, Qualcosa là fuori, uscito però circa un anno dopo XXI secolo).

Continua a leggere

Standard