Le storie degli altri

Divertirsi in Asia centrale

lewis

Nelle feste dell’Uzbekistan non ci sono preliminari. Cominciano di colpo, come per un contatto elettrico, e i partecipanti si alzano dal letto, si infilano i panni che trovano sotto mano e si mettono in moto all’istante […] La festa di Abu Hassan doveva cominciare, come sogliono i festeggiamenti nell’Asia centrale sovietica, più o meno all’alba. A Samarcanda era uso, in simili occasioni, far scoppiare vecchie bombe, proiettili e altri congegni esplosivi raccolti in antichi campi di battaglia, e spesso le prime vittime di tali baldorie spiravano con la prima luce. In Asia centrale non occorrono istruzioni sull’arte di divertirsi: ce l’hanno nel sangue. I festeggiamenti mirano soprattutto a far rumore, e a questo scopo sono pronti a tutto. In una città a centocinquanta chilometri da Taškent avevano fatto scontrare di proposito due locomotive, evitando peraltro abilmente perdite umane.


Norman Lewis | In Russia

Standard