Le storie degli altri

Come un cuore buttato per terra. Il rospo di Arreola

arreola

Salta di tanto in tanto, solo per dimostrare la sua radice statica. Il salto rievoca un battito: se lo osserviamo bene, il rospo è tutto cuore.
Pressato in un blocco di fango freddo, il rospo si immerge d’inverno come una miserevole crisalide. Si risveglia a primavera, consapevole che in lui non è avvenuta alcuna metamorfosi; è più rospo che mai, nella più totale disidratazione. Aspetta in silenzio le prime piogge.
E un bel giorno sorge dalla terra molle, pesante di umidità, gonfio di linfa rancorosa, come un cuore buttato per terra. Il suo atteggiamento da sfinge cela un’offerta di scambio e la bruttezza del rospo ci appare con la soffocante peculiarità dello specchio.


Juan José Arreola | Bestiario

Standard