Le storie degli altri

Proprio così

172_saunders_dieci_dicembre_x_giornali

Proseguì sulla Teallback a passo svelto, come quelle signore che camminavano ogni sera per dimagrire, solo che lei non era magra per niente, lo sapeva, come sapeva che la camminata veloce non si faceva in jeans e scarponi slacciati, ah ah. Mica era stupida. Faceva solo scelte sbagliate. Ricordò suor Lynette che diceva: «Callie, tu sei sveglia, ma tendi un po’ all’autolesionismo». Eh già, sorella, ci hai proprio preso, disse mentalmente alla suora. Al diavolo. Chi se ne importava. Appena si mettevano un po’ tranquilli coi soldi avrebbe comprato un paio di scarpe da ginnastica decenti per fare jogging e buttare giù qualche chilo. E si sarebbe iscritta a un corso serale. Con qualche chilo in meno. Magari tecnologia sanitaria. Non sarebbe mai stata proprio un’acciuga. Ma a Jimmy lei piaceva così. E lui le piaceva così. Forse l’amore era proprio questo: che uno ti piaceva così com’era e in più facevi delle cose per aiutarlo a migliorare.


George Saunders | Il cagnolino

Standard